Vai ai rimedi per l’eiaculazione precoce

Fisiochinesiterapia del piano perineale contro i disordini sessuali

I metodi oggi conosciuti per contrastare diversi disordini e disturbi sessuali consistono nell’approccio di terapie specifiche, che possono in alcuni casi essere combinate attraverso un approccio multidisciplinare: esso si rivela fondamentale quando il problema sessuale è di origine fisica e psicologica insieme, ed è quindi importante che la corretta cura sia adottata sulla base di valutazioni specializzate e mirate a risolvere definitivamente il problema.

In molti casi, i disordini sessuali possono essere curati anche con il supporto di una terapia riabilitativa volta a rieducare il piano perineale: questo tipo di terapia – che spesso viene utilizzata anche per curare altri disturbi fisici, sia femminili che maschili – è una metodica non invasiva che permette di trattare efficacemente disturbi di origine ginecologica, uro-ginecologica o inerenti al tema della sessuologia. In quest’ultimo settore vanno inseriti anche i disturbi maschili più comuni, come le disfunzioni erettili e la precocità eiaculatoria, che rappresentano in assoluto i disordini sessuali più frequenti nella popolazione maschile.

Per combattere l’eiaculazione precoce abbiamo diverse armi molto efficaci che possono essere impiegate da sole o combinate tra esse: una tra queste è la fisiochinesiterapia del piano perineale, che ha il compito di rieducare i muscoli pelvici del paziente, favorendo un maggiore controllo di essi e determinando così una reale efficacia nella riuscita del controllo eiaculatorio. Poiché l’eiaculazione precoce è un disturbo che si traduce in uno scarso (o nullo) controllo dell’orgasmo – che è anticipato rispetto ai tempi considerati normali – la riabilitazione di questi muscoli dovrebbe contrastare il fenomeno aiutando il paziente a focalizzare su di essi la sua attenzione.

I muscoli considerati fondamentali per la risposta sessuale sono in particolare quelli bulbo-spongiosi e bulbo-cavernosi: la fisiochinesiterapia è basata sull’utilizzo di esercizi non invasivi, volti in particolare al rinforzo della muscolatura, e che prevedono tre fasi specifiche, ovvero la presa di coscienza, il rinforzo e l’automatizzazione.

Le fasi della fisiochinesiterapia

Nella prima fase della fisiochinesiterapia (presa di coscienza) il paziente viene aiutato a prendere consapevolezza del proprio corpo, dei suoi movimenti e delle sue risposte: particolarmente efficaci sono i cosiddetti esercizi di Kegel, che coinvolgono il pavimento pelvico ed i muscoli pubo-coccigei, sui quali il paziente effettua una rifocalizzazione della sua attenzione. Questi muscoli vengono allenati anche per contrastare i fenomeni di incontinenza urinaria ed altre patologie come il vaginismo.

Durante la fase successiva (conosciuta come consolidamento), ciò che il soggetto ha imparato per rafforzare i suoi muscoli del pavimento pelvico e del perineo è consolidato tramite una serie di esercizi di addestramento e mantenimento. Grazie a questi movimenti, la tonicità muscolare viene potenziata e il controllo dei muscoli viene promosso.

Nella terza fase del trattamento di fisiochinesiterapia (denominata automatizzazione), il soggetto è in grado di eseguire tali esercizi senza sforzo: il controllo diventa automatico e, di conseguenza, il soggetto dovrebbe essere in grado di regolare i suoi muscoli del pavimento pelvico, agevolando il controllo delle erezioni e dell’eiaculazione.

Questa tecnica, oltre ad essere riabilitativa e rieducativa, può essere anche preventiva e viene consigliata a pazienti che soffrono di lievi o precoci disturbi di eiaculazione anticipata, in qualità di prevenzione e di una migliore presa di coscienza dei muscoli perineali, grazie all’allenamento mirato e all’educazione del pavimento pelvico.

Risolvi i tuoi problemi di eiaculazione precoce

Scopri come ho fatto dal durare meno di un minuto a letto ad essere in grado di avere rapporti sessuali di oltre mezz'ora senza assumere pillole o altri prodotti. Vai al metodo per ottenere rapporti lunghi e soddisfacenti.