Vai ai rimedi per l’eiaculazione precoce

La patologia del frenulo breve

L’andrologia è una scienza che riguarda tematiche estese e molto varie, che riguardano l’essere maschile, la conformazione del suo organo genitale ed il funzionamento di tutte le sue parti intime, sia dal punto di vista della riproduzione che, naturalmente, anche per quel che riguarda il piacere sessuale.

Lo studio dell’andrologia si rivela particolarmente utile nei casi in cui la complessa struttura del pene evidenzia una conformazione particolare, che richiede un certo interesse: può capitare, anche se non è la regola, che nell’uomo vi siano parti non perfettamente sviluppate, a causa di malformazioni e, pertanto, esse possono essere in alcuni casi oggetto di interventi chirurgici per rimediare al problema.

In casi simili si parla, ad esempio, di frenulo corto o frenulo breve: prima di comprendere esattamente in costa consista questa particolare malformazione, può essere utile dare una breve spiegazione di cosa sia effettivamente il frenulo.

Cos’è il frenulo?

La patologia del frenulo breve

Il frenulo è una delicata piega cutanea, una sottile lamina di tessuto, la quale collega la parte anteriore del glande al prepuzio, che rappresenta una delle più importanti zone erogene per l’uomo. La funzione fisiologica del frenulo è quella di evitare una retrazione eccessiva che si può verificare nel momento in cui il pene raggiunge lo stato di erezione. La normale sollecitazione durante durante il rapporto sessuale può portare a piccoli tagli o lesioni, che, con il passare del tempo, provocano dolore.

Il problema del frenulo corto riguarda tuttavia una specifica caratteristica anatomica, in cui la sottile lamina di tessuto che collega glande e prepuzio risulta essere troppo breve rispetto alla norma: questa condizione – peraltro piuttosto comune – provoca da un lato dolore durante il rapporto sessuale (chiamato dispaurenia) e dall’altro fastidio durante l’erezione.


Un frenulo breve può generare molteplici complicazioni sessuali, come ad esempio difficoltà di raggiungimento dell’erezione: a causa della sua struttura, l’atto sessuale può giungere rapidamente al termine o causare sensazioni di fastidio e dolore, spingendo l’uomo ad evitare o limitare i propri rapporti intimi. Il disagio causato dal frenulo breve non può essere sottovalutato: numerosi pazienti lamentano forti dolori durante la penetrazione a causa dell’incapacità di esporre il glande a causa della sua lunghezza ridotta.

Si tratta, quindi, di una vera e propria patologia le cui cause possono essere svariate e diverse: la motivazione più accreditata si deve da rintracciarsi nel difetto che può verificarsi in età adolescenziale, durante lo sviluppo, quando il giovane che si avvicina all’autoesplorazione ed alla conoscenza del proprio corpo per mezzo dell’autoerotismo, si rende conto di non riuscire a lasciare scoperto del tutto il prepuzio. Molto spesso accade che alla patologia si associ la fimosi in quanto il frenulo, non essendo dotato di molto spessore e non essendo elastico, non si lacera durante i primi atti di autoerotismo come la masturbazione o nei primi rapporti sessuali.

Di solito la lacerazione comporta fuoriuscita di sangue, causata dalla stessa rottura ma possono esserci poche gocce di sangue, così come una vera e propria emorragia. In genere la lacerazione non è accompagnata da dolore, ma da molta paura da parte dell’adolescente su cosa accadrà.

Sicuramente causare continuamente traumi e sottoporre poi a cicatrizzazioni il frenulo, non gioverà alla sua elasticità, bensì causerà un tale ispessimento da far perdere la sua naturale caratteristica. Di solito con il frenulo breve, si ha una curvatura del glande verso il basso, in quanto non c’è la totale retrazione del prepuzio durante l’erezione. Naturalmente la patologia può essere più o meno grave, e ciò incide sui sintomi che si verificano e sulle conseguenze che porta.

Intervento di frenulotomia

Una volta riconosciuta la patologia, è bene intervenire per eliminare il disturbo alla radice, sia per evitare il dolore ed il fastidio durante la penetrazione e l’atto sessuale, sia per evitare alcuni normali disturbi che possono essere associati ad esso, come ad esempio l’eiaculazione precoce.

Gli interventi che si possono mettere in atto la frenulotomia o la frenuloplastica: nell’ultimo caso, si tratta di una incisione trasversale che permette al pene di allungare il frenulo intervenendo direttamente su di esso.

Nel caso in cui si scelta l’intervento di frenulotomia, invece, si agisce recidendo il frenulo del prepuzio ottenendo il suo allungamento.

Per quanto si tratti pur sempre di un intervento chirurgico, la frenulotomia, così come la frenuloplastica, non deve spaventare e non deve essere motivo di eccessive ansie: infatti l’operazione si svolge in linea ambulatoriale, con il day-hospital, non è invasiva, ha una durata massima di 40 minuti e viene eseguita con anestesia locale.

Gli unici accorgimenti da tenere in considerazione per una buona guarigione ed una completa riuscita dell’intervento sono: riposo sessuale per minimo due settimane e assenza di sforzi al ritorno a lavoro.

Grazie a questi interventi, si può ritornare alla normalità molto presto, ottenendo dall’atto sessuale non più dolore o fastidio, ma soltanto il normale piacere che ogni uomo ha diritto di provare.

Risolvi i tuoi problemi di eiaculazione precoce

Scopri come ho fatto dal durare meno di un minuto a letto ad essere in grado di avere rapporti sessuali di oltre mezz'ora senza assumere pillole o altri prodotti. Vai al metodo per ottenere rapporti lunghi e soddisfacenti.