Vai ai rimedi per l’eiaculazione precoce

Il test ELMA per determinare la causa dell’eiaculazione precoce

Il test ELMAChi soffre di eiaculazione precoce spesso non sa come comportarsi di fronte alla partner e non sa come affrontare il problema. La tendenza generale è, infatti, quella di far finta che il problema non esista, spesso evitando i rapporti sessuali ed accampando scuse su scuse di fronte alla partner che, invece, chiede una maggiore presenza del suo uomo a letto.

Il problema è che molto spesso la paura di essere impotenti spinge le persone che soffrono di precocità eiaculatorie a rimandare ogni possibile soluzione di questo problema, non facendo altro che ingigantirlo senza tuttavia fare nulla di concreto per risolverlo.

La precocità di eiaculazione è un problema molto comune nell’uomo: sono infatti sempre di più gli uomini che non riescono a mantenere la durata del rapporto sessuale nei limiti della normalità, e questo incide spesso molto profondamente sulla relazione sentimentale con la partner, che finisce con il sentirsi inadeguata o almeno responsabile di questa situazione.

In realtà molto spesso le cause che determinano una precocità eiaculatoria possono essere facilmente eliminabili, sia che si tratti di fattori psicologici, sia che invece i fattori siano di tipo organico: il problema è che vi sono situazioni in cui non è facile determinare la vera causa scatenante, perché molte volte l’eiaculazione precoce è causata da una concatenazione di fattori, fisici e psicologici insieme.

Se l’eiaculazione precoce è causata da situazioni organiche, come anomalie anatomiche, fimosi, o ipersensibilità del glande, è necessario che il paziente venga seguito da un medico specializzato in andrologia o urologia, mentre il sessuologo potrà aiutarlo a superare la precocità eiaculatoria nel caso in cui essa sia determinata da motivi di ordine psicologico.

Esiste tuttavia un metodo molto interessante e relativamente nuovo per determinare se l’eiaculazione precoce è determinata da un fattore organico come l’ipersensibilità al glande: questo metodo prende il nome di test ELMA, ed è molto accurato in quanto permette di stabilire, con una sola applicazione, se l’ipersensibilità del glande caratterizza il problema di orgasmo anticipato nel paziente.

Infatti è risaputo che una delle cause organiche più comuni di eiaculazione precoce sia proprio l’ipersensibilità del glande: il glande è la parte superiore del pene a cui si collega direttamente il senso di piacere estremo durante il rapporto sessuale. Quando esso è troppo sensibile, l’eccitazione può aumentare anche in concomitanza ad una minima stimolazione, e ciò causa naturalmente l’eiaculazione precoce.

Per stabilire se la causa della precocità eiaculatoria nel rapporto sessuale è questa, si utilizza allora il test ELMA. Questo test prende il nome dalla pomata anestetizzante usata per effettuare questa verifica: la pomata può essere acquistata in farmacia, e va applicata 30 minuti prima del rapporto sessuale sulla parte superiore del glande, prestando attenzione alla quantità (in quanto un dosaggio eccessivo finirebbe con l’anestetizzare la partner femminile).

Una volta trascorsi i 30 minuti di “posa”, si può iniziare il rapporto sessuale: se durante questo rapporto i tempi di prestazione dell’uomo aumentano, allora significa che il problema è proprio l’ipersensibilità al glande. Se, viceversa, anche dopo una corretta applicazione della pomata la durata del rapporto sessuale è uguale, è necessario procedere con una visita più approfondita in quanto la causa determinante deve essere ricercata in qualcos’altro.

Se il risultato evidenzia che non c’è ipersensibilità al glande è possibile aumentare la propria durata a letto seguendo specifiche tecniche ed esercizi che trovi nei manuali presentati a questa pagina.

Risolvi i tuoi problemi di eiaculazione precoce

Scopri come ho fatto dal durare meno di un minuto a letto ad essere in grado di avere rapporti sessuali di oltre mezz'ora senza assumere pillole o altri prodotti. Vai al metodo per ottenere rapporti lunghi e soddisfacenti.