Vai ai rimedi per l’eiaculazione precoce

Come funzionano i preservativi ritardanti

In quanto disturbo sessuale tra i più comuni in assoluto l’eiaculazione precoce è al centro di numerosi dibattiti scientifici, negli studi e nelle sale di medici e specialisti il cui obiettivo è da un lato quello di sensibilizzare la popolazione (maschile e femminile) rendendo la precocità eiaculatoria qualcosa di cui non vergognarsi, e dall’altro quello di dare rimedi e soluzioni realmente efficaci a chi ne soffre.

Infatti, quando si soffre di eiaculazione precoce non si va incontro solo al problema fisico legato al rapporto compromesso dalla precocità di eiaculazione, ma anche alla sensazione di vergogna ed al senso di colpa che lentamente pervadono prima l’uomo e poi la donna.

Se nel primo il senso di colpa è grande e si mescola con la paura di non essere all’altezza, nella seconda iniziano a farsi vivi sentimenti contrastanti, di rancore verso il partner ma anche di timore di non essere attraente o di essere in qualche modo colpevole di questa situazione.

Come funzionano i preservativi ritardanti

È pertanto obiettivo dei medici e degli specialisti di questo settore così delicato della medicina riuscire a offrire ai pazienti affetti da eiaculazione precoce dei rimedi che siano realmente efficaci nella risoluzione di questo disturbo.

A questo proposito occorre però chiarire che l’eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale che può avere origine da diversi fattori.

  • Da un lato vi sono le cause organiche, alle quali devono corrispondere rimedi scientifici volti alla risoluzione del problema, come in alcuni casi le operazioni chirurgiche o l’uso di specifici farmaci;
  • Dall’altro si configurano invece le cause psicologiche (in questo caso ti consiglio di leggere subito questo approfondimento), che si riferiscono a situazioni psichiche individuali che hanno scatenato l’eiaculazione precoce e che vanno curate attraverso tecniche ben precise.

Da ciò si intende che sia il campo delle cause dell’eiaculazione precoce, sia il settore di rimedi legati alla sua risoluzione, sono parecchi e vanno classificati a seconda di diversi fattori.

Infatti se l’eiaculazione precoce è causata da motivi di ordine psicologico o morale, uno dei tanti rimedi può essere quello di seguire una terapia specifica dal punto di vista psichico, seguiti da un sessuologo che consigli, oltre al supporto psicologico, anche dei farmaci che interagiscono con la serotonina per riattivare la passione e l’appagamento sessuale.

Se le cause della precocità eiaculatoria sono di tipo fisico, potrebbe essere necessario sottoporsi ad un intervento chirurgico per eliminare il fattore scatenante, come ad esempio avviene nel caso dell’ipersensibilità al glande.

Accanto ai cosiddetti rimedi scientifici – ovvero quelli che hanno una base scientifica conclamata – vi possono essere poi dei rimedi naturali, oppure dei metodi che vengono utilizzati e consigliati come palliativi o come tecniche e trucchi per affrontare un disturbo sessuale così comune come l’eiaculazione precoce.

Queste alternative – che a volte si sovrappongono con la terapia di origine naturale o non convenzionale, come l’agopuntura o la cura con i fiori, mentre in altre circostanze costituiscono semplici trucchi privi di basi scientifiche o mediche ma legati in qualche modo alle antiche credenze popolari – non offrono una guarigione permanente, ma possono essere utilizzate per un breve periodo come rimedi temporanei.

È quindi molto importante in ogni caso che la situazione venga valutata da un medico, un andrologo o un sessuologo, che abbia come obiettivo la risoluzione del disturbo da un punto di vista scientifico e sicuro.

Nell’analizzare la situazione, partiamo pertanto dal presupposto che i rimedi naturali spesso non hanno un fondamento scientifico, ma che in alcuni casi possono comunque aiutare ad affrontare meglio questo problema; chiariamo anche che i cosiddetti metodi palliativi non risolvono il disturbo alla radice, ma determinano uno stato di benessere temporaneo dovuto all’effetto dei rimedi, senza tuttavia eliminare il problema che causa l’eiaculazione precoce.

Tra questi rimedi occorre ricordare i preservativi ritardanti: prodotti dalle più famose e conosciute aziende di profilattici e venduti presso tutte le farmacie, questi preservativi sono un po’ diversi dai profilattici comuni, perché sono stati prodotti e fabbricati proprio con l’obiettivo primario di ritardare la durata del rapporto sessuale rendendo la prestazione più lunga rispetto al solito.

Il loro scopo, quindi, non è solo quello di proteggere dalle possibili gravidanze oppure dalle malattie veneree: essi uniscono l’utile al dilettevole, rendendosi molto spesso efficaci nella risoluzione temporanea del disturbo dell’eiaculazione precoce, in quanto agiscono direttamente sul pene con l’obiettivo di de-sensibilizzare la parte e di rendere quindi la prestazione sessuale meno veloce.

Come funzionano i profilattici ritardanti?

Alla base di questi preservativi – prodotti con lo stesso materiale dei comuni profilattici, il lattice – vi sono sostanze come la benzocaina, che fungono in parte da anestetizzanti leggeri ed in parte da lubrificanti: la benzocaina è infatti una sostanza lubrificante che ha lo scopo di desensibilizzare leggermente l’organo genitale maschile, rendendolo soggetto a stimoli minori e quindi aumentando le prestazioni sessuali dell’uomo.

Come funzionano i profilattici ritardanti?Questi preservativi possono essere di grande aiuto per chi soffre di eiaculazione precoce, e possono essere utilizzati anche da uomini che non soffrono di questo disturbo ma vogliono comunque allungare i tempi della loro prestazione sessuale.

Per utilizzare al meglio questi preservativi è però molto importante seguire alcune regole: prima di tutto, poiché la benzocaina è in parte anestetizzante, è conveniente evitare di indossare il preservativo troppo presto – ovvero nel momento dei preliminari – perché nei momenti in cui il pene non è stimolato potrebbe perdere facilmente l’erezione a causa di questa perdita di sensibilità.

È bene, pertanto, che il preservativo ritardante venga indossato nel momento in cui si decide di dare via alla penetrazione, perché è proprio quello il momento più delicato nel quale l’uomo tende a perdere il controllo eiaculatorio.

Il modo in cui i preservativi ritardanti offrono la possibilità di rendere più lungo il rapporto sessuale è lo stesso che viene utilizzato dalle sostanze che sono alla base degli spray ritardanti: anche questi ultimi infatti contengono sostanze leggermente anestetizzanti, che riducono lo stimolo sessuale dell’organo genitale maschile e rendono quindi più duraturo il rapporto.

Questi metodi possono essere utilizzati allo scopo di ovviare al problema dell’eiaculazione precoce, specialmente quando essa è causata da ipersensibilità oppure da sovraeccitazione, ma non sono indicati nei casi di eiaculazione grave dovuta a situazioni patologiche.

Inoltre, è sempre indicato trattare questi metodi come dei comuni palliativi e rivolgersi comunque ad un medico per la corretta diagnosi e la corretta cura dell’eiaculazione precoce.

Risolvi i tuoi problemi di eiaculazione precoce

Scopri come ho fatto dal durare meno di un minuto a letto ad essere in grado di avere rapporti sessuali di oltre mezz'ora senza assumere pillole o altri prodotti. Vai al metodo per ottenere rapporti lunghi e soddisfacenti.